Saturday, December 20, 2008

Metamorfosi

la cristallizzazione delle forme coma procedere di evoluzioni, involuzioni e deviazioni di multiple soggettive verità temporanee.

Tuesday, November 18, 2008

concettuale vs empatico

In contrasto a quanto affermato da uno degli statement di Sol Lewitt sull'arte concettuale, la mia opera è dipendente da ogni aspetto minimo formale. ogni particolare seppur apparentemente non coordinato e necessario ad un tutto globale ha una sua precisa risonaza atomistica emozionale.

Friday, November 14, 2008

presuntuoso di buon mattino

"Il fondamento essenziale non è più l'autonomia individuale, ma la collaborazione di tutti gli individui per dissolvere tale autonomia."
...
"E' la 'ragione' la causa per cui noi falsifichiamo la testimonianza dei sensi. Là dove i sensi segnalano il divenire, il trascorrere, il cambiamento, non mentono..."

la mia tensione di vitalità interiore si nutre tra l'uno e l'altro pensiero...

Monday, November 10, 2008

aspetti di formalismo

l'importanza che do alla cura dei piccoli particolari formali che possono apparire secondari è per me riassumibile solo con una parola: amore.
non si tratta di un perfezionismo maniacale ma di una attenzione premurosa e dedicata.
la sua qualità è dipendente solo dal referente. se singolare ed intimo o generale e pubblico. è solo una questione di differenze.

Sunday, October 26, 2008

un po' più estraneo

Assumo una delle mie lunghe pause

l'arte

forma il pensiero incarnato

Wednesday, October 22, 2008

a tradimento

è una posizione mentale, dipendente non dal gesto che si suppone lo causi, ma dalle conseguenze del gesto sulla propria volontà.

rimpiangere un proprio gesto, raddoppia l'insicurezza. non solo nell'avere mancato la propria fiducia ma anche l'oggetto stesso del gesto, l'istinto e il complice. ti pone fuori luogo senza posizione. in solitudine.

Sunday, September 7, 2008

3 cose a caso

libertà di sorvolare

negazione del buonismo

ripresa del rispetto di se stessi

Sunday, August 10, 2008

'otro Cielo no esperes, ni otro Infierno'

vivere intensamente

Monday, July 28, 2008

l'incertezza delle cause

quel che conta è rischiare sul vuoto della confusione.. è l'unico modo per essere qualcuno oltre che per se stessi

Tuesday, June 10, 2008

...

un'incommensurabile complicità corporale

diritto

a volte la mente può essere più atroce della cruda realtà.
ora esigo il mio silenzio.

Tuesday, May 6, 2008

Quelle cinque facce e quel viso mancante su repubblica oggi 6 maggio 2008.

Siamo pronti a rinchiuderci nelle nostre tane di paura o ad uscire armati di terrore e violenza? Questo è il possibile futuro che ci aspetta. Non ne ho alcun dubbio!
In un luogo dove, i supposti riferimenti politici e culturali sono al momento incapaci di distinguere le differenze, tra un'idiota manifestazione di dissenso ed un irreparabile gesto generato dal nulla e proiettato verso il baratro della scomparsa della civiltà. Quando civiltà è e rimane il solo ultimo baluardo della sopravvivenza di una specie. La nostra. Di tutti. Quella umana. Che nella sua storia ha creato, sviluppato e forse portato già ai suoi massimi splendori, uno strumento efficacissimo ma infinitamente fallace per la vita: la cultura.
Oggi è uno di quei giorni in cui chiaramente si può vedere l'atroce annunciato, il prevedibile.
Allora, vi chiedo, quanto e come siamo disposti a dirigere altrove la nostra storia?
a rintracciare in noi le cause di ciò che così in apparente attimo casuale ci perfora lo stomaco. ci mozza il fiato e ci cancella il mondo attorno. come possiamo fare per riprendere curiosità e familiarità nello sconosciuto, nell'altro nel di 'fuori'?
Come trovare la nostra identità tramite l'altro? Perché attraverso la relazione con altro da me io mi osservo e mi comprendo: mi costruisco. Ma spesso mi accorgo che non posso vedere oltre i confini del mio corpo. e rimango lì in bilico, incastrato in questo limbo, zona cieca della conoscenza. non so chi sono io perché non mi interessa sapere chi sei tu. E rimando ad altre persone, ad altri tempi le colpe. Che ne accetti allora i risultati e le conseguenze. Ora.

Tuesday, April 1, 2008

un'apprendimento nell'utilizzo

determinato da un apriori della facoltà di apprendimento.
l'apprendimento è fine all'utilizzo ed ha fine con l'utilizzo

Sunday, March 30, 2008

neofita

Ho finalmente distaccato il problema del messaggio, l'ansia della comunicazione.
Uso la mia ricerca come sonda del presente. La mia azione è la curiosità del neofita che penetra ed armeggia: e trovo ciò che già esiste ma che per me non ha ancora un nome. Così intravedo possibilità di futuro...perché se la pratica si riconosce in un percorso di tempo e spazio, diviene stallo, attesa del tempo a venire.

Wednesday, March 12, 2008

Non un comandante


a volte ci si sente proprio così. come quel marinaio solo nella nebbia a non poter guidare il proprio vascello.

Sunday, March 2, 2008

NE PRENDO ATTO

Sapete cosa ci tiene veramente legati?
La nostra paura derivata dal sentirci perennemente inadeguati, incapaci di affrontare da soli il nostro ruolo nella società.
Lo sperare di farsi forza all'interno di un gruppo, sperare che ci sia qualcun altro in fondo che 'lo' faccia per te, ma di cui tu possa goderne i benefici. Il non fare perché incapaci ed il costante mentirsi nel pensare di esserlo.
Il senso di colpa legato all' ostinato non essere, non sapere, non immaginare, in cui questo sistema, ultimo gioiello della modernità, ci ha
cresciuto e formato.
Siamo immobilizzati dall'inedia, sfiancati dall'inettitudine, inebriati dal pressappochismo. In fondo basterebbe ammettere che pensiamo non valga la pena consumare energie a patto che lo sforzo non sia ben ripagato, a patto che il nostro IO non ne divenga sazio.
Il resto è solo finzione.
E nonostante ciò, sono ancora convinto che l'unica soluzione per vivere sia nella collaborazione.
 

Thursday, January 31, 2008

Piazze

no sporcare, non sedersi, non mangiare, non parlare, non restare, non indicare.  da tempo penso alla piazza come un nonluogo. ulteriore, ne è la conferma, la definizione di inizioluogo di Roberto Saviano.

piccoli spostamenti

è ora di finirla con questi piccoli spostamenti. chimere utopiche del sostentamento sistemico. travestimenti per l'unico assoluto, maschere sprezzanti d'umanità. fasulli passaggi nel percorso dell'evoluzione.

Tuesday, January 29, 2008

il dopo prima che sia

non voglio più produrre immagini. Ma dare possibilità all'immaginazione, questo sì. quindi ecco l'oltre l'immagine.

Tuesday, January 1, 2008

il miglior inizio

Come al solito anche stamane la mia immaginazione ha spumeggiato sul bagnasciuga del sonno.
 
Creative Commons License
Pensieri by Francesco Bertelé is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 2.5 Italia License.